Romolo

Romolo (Romulus) (Alba Longa, 24 marzo 771 a.C. – Roma antica, 5 o 7 luglio 716 a.C.)

  • Romolo (Romulus) (Alba Longa, 24 marzo 771 a.C. – Roma antica, 5 o 7 luglio 716 a.C.)
  • Secondo la leggenda era figlio di Marte e di Rea Silvia, sacerdotessa vestale figlia del re di Alba Longa, Numitore, diretto discendente di Enea.
  • Romolo era quindi per parte materna di stirpe reale albana.

Assieme al fratello gemello Remo, rovesciò dal trono di Alba Longa l’usurpatore zio Amulio, restituì il regno al nonno Numitore, e tracciò il solco della Fondazione di Roma, il 21 aprile del 753 a.C.

Poco dopo uccise il fratello Remo, che in segno di disprezzo aveva osato violare il sacro confine della città quadrata.

Romolo divenne così il primo re di Roma e pose le basi istituzionali dello stato romano, con la costituzione del consiglio dei patres, cioè l’assemblea dei capi delle cento gentes originarie, che sarebbe poi divenuto il Senato di Roma.

Dopo quaranta anni di regno scomparve misteriosamente durante una tempesta, durante la quale sarebbe asceso al cielo. Apparve poi in una visione ad un suo vecchio compagno albano, Proculo Giulio (appartenente alla gens Giulia), rivelandogli il futuro glorioso di Roma, che sarebbe divenuta Caput Mundi, e spiegandogli di essere stato rapito in cielo per volontà degli Dei.

Romolo chiese infine a Proculo Giulio di voler essere venerato come dio protettore di Roma, con il nome di Quirino.

[Romolo] [Numa Pompilio] [Tullo Ostilio] [Anco Marzio] [Tarquinio Prisco] [Servio Tullio] [Tarquinio il superbo]