Caterina II

Caterina II – Imperatrice dal 1762 al 1796

Conosciuta come Caterina la Grande. Il regno di Caterina si denota per l’espansione territoriale, che porta l’impero ad acquisire nuove terre a sud ed ad ovest, e per il consolidamento interno.

Caterina la grande

Caterina approva l’illuminismo e considera se stessa un filosofo sul trono. Viene conosciuta come una patrona delle arti e della letteratura. Scrive commedie, romanzi e memorie e fa la conoscenza di Voltaire, Diderot e D’Alembert, tutti famosi enciclopedisti francesi, che in seguito consolideranno la sua reputazione nei loro scritti.

Caterina riesce anche a convincere il matematico Leonhard Euler a spostarsi da Berlino a San Pietroburgo.

Quando Radishchev pubblica il suo Viaggio da San Pietroburgo a Mosca, nel 1790, preannunciante rivolte a causa delle deplorevoli condizioni sociali dei contadini e dei servi, Caterina lo esilia in Siberia.

Con il trattato di Kuchuk-Kainarji del 1774, che mette fine alla guerra scoppiata nel 1768 con l’Impero Ottomano, la Russia ottiene uno sbocco sul Mar Nero ed i tartari di Crimea divengono indipendenti da Costantinopoli.

Facendo riferimento agli scritti di Beccaria e Montesquieu Caterina redasse un documento di riforma del sistema giudiziario. Una commissione che rappresentava tutte le classi, tranne che i servi (che erano la maggioranza della popolazione), venne creata allo scopo di rivedere tutte le leggi nello spirito del documento, ma Caterina la sciolse prima che avesse concluso i lavori probabilmente in seguito ad una svolta conservatrice nella sua politica provocata dalla rivolta contadina di Pugachev nel 1773-1774.

Caterina riorganizzò l’amministrazione delle province conferendo ai governatorati un grande potere sulle zone rurali nella prevenzione delle rivolte contadine. Questo processo fu completato entro il 1775. La riforma creò province e distretti che erano maggiormente gestibili rispetto ai governatorati.

Nel 1785 Caterina pubblicò un editto che riconobbe alla piccola nobiltà il diritto di presentare petizioni al trono; liberò i nobili dai servizi obbligatori e dalle tasse, rese la nobiltà ereditaria e concesse ai nobili il pieno controllo sui servi che vivevano sulle loro terre. In aggiunta Caterina donò terre della corona site in Ukraina ai nobili più fedeli dotandole anche di servi.

Incoraggiò la colonizzazione dell’Alaska e di altre aree di recente conquista.

Nel 1764 Caterina pose Stanislao Poniatowski, un suo precedente amante, sul trono di Polonia. La Russia, in seguito, incorporò buona parte della Polonia come effetto delle spartizioni concordate con Austria e Prussia.

Caterina rese la Russia potenza dominante nel Medio Oriente dopo la prima guerra Russo-Turca, contro l’impero Ottomano negli anni dal 1768 al 1774. Il suo obiettivo era la spartizione dell’impero Ottomano tra le potenze europee seguendo lo schema usato per la Polonia ma questa volta la sua politica non ottenne il successo sperato.

Annesse la Crimea nel 1783 solamente nove anni dopo che questa aveva ottenuto l’indipendenza dall’Impero Ottomano come risultato della prima guerra russo-turca. Anche in seguito a ciò l’Impero Ottomano dette inizio alla seconda guerra russo-turca. La guerra durò dal 1787 al 1792 e terminò con il trattato di Jassy che legittimò le pretese russe sulla Crimea.

Sul teatro politico europeo Caterina giocò un importante ruolo svolgendo la funzione di mediatore durante la Guerra di successione Bavarese combattuta tra Prussia ed Austria.

Nel 1780 formò un gruppo incaricato di difendere le navi indipendenti dalla Gran Bretagna durante la Rivoluzione Americana.

Dal 1788 al 1790 la Russia era impegnata in una guerra contro la Svezia guerra i cui Caterina si trovò opposta al cugino Gustavo III.

La guerra iniziò in seguito alle rivendicazioni svedesi sui territori del Baltico persi dalla Russia nel 1720. Convinti di sconfiggere rapidamente i russi, gli svedesi dovettero fare i conti con gravi perdite umane e di territori.

Dopo l’ingresso in guerra della Danimarca, nel 1789, le cose si misero davvero male per gli svedesi che però, inaspettatamente, riuscirono a passare all’offensiva nel 1790. L’azione culminò con la battaglia di Svensksund (oggigiorno Ruotsinsalmi in Finlandia) combattuta il 9 e 10 luglio 1790.

La flotta russa comandata dal Principe di Nassau forte di 32 vascelli di linea e 200 imbarcazioni d’appoggio con 1200 cannoni e 14000 marinai si scontrò con quella svedese comandata da Gustavo, in persona, composta di 200 navi tra linea e appoggio, 1000 cannoni e 12500 marinai. I russi si trovarono subito in difficoltà ad usare le artiglierie a causa del mare agitato, problema che non toccò gli svedesi che avevano le navi ancorate.

Al termine della battaglia i russi ebbero perdite pari a 50/60 navi e 9500 marinai. Gli svedesi persero solo 6 navi ma tra 6000 e 7000 marinai. La guerra si concluse con un trattato firmato il 14 agosto 1790 che sancì il ritorno di tutti i terrirori contesi alle nazioni d’origine.

Caterina, nota per il suo appetito sessuale e per i suoi svariati amanti, si fa costruire una stanza segreta decorata con dipinti e sculture che descrivono atti sessuali.

Anche i pezzi dell’arredamento sono costruiti usando rappresentazioni di organi sessuali (per ironia della sorte molti degli artigiani che lavorano per questo progetto sono gli stessi che decorarono anche le chiese). Molte immagini rappresentano stupri, atti di pedofilia , ed atti sessuali con animali ritratti con accurati dettagli anatomici.

Il 5 Novembre 1796 viene colpita da infarto mentre si trova nel suo gabinetto, e muore senza aver ripreso conoscenza.

Caterina ha un figlio, Paolo, che non ama particolarmente. Il padre non si sa se fu Pietro III o Serge Saltykov.

Caterina è sepolta nella fortezza di San Pietro e Paolo a San Pietroburgo.

[Predecessore: Pietro III] [Successore: Paolo I]